Cerca
Sei in: Home > Informazioni lm cinema

Corso di Laurea Magistrale in Cinema e Media (LM-65)

Manifesto degli studi a.a. 2016-2017 e informazioni generali

 

 

Perché studiare Cinema e Media?


Il corso di Laurea in Cinema e Media fornisce competenze da un lato di attività di tipo archivistico e conservativo, dall'altro di attività finalizzate alla produzione e all'organizzazione di eventi di valorizzazione del patrimonio. A tale scopo risultano fondamentali i saperi e le metodologie proprie della ricerca storica, dell'analisi dei testi e della riflessione teorica attorno al cinema e ai media, al teatro e alla musica, così come i saperi progettuali e metodologici necessari per la produzione e la gestione del prodotto anche mediante tecnologie digitali. Il percorso formativo è pensato, a tale scopo, sia per fornire conoscenze teoriche e pratiche in grado di investire l'opera artistica nei suoi aspetti produttivi, organizzativi e gestionali, sia conoscenze delle fonti archivistiche e delle strategie di conservazione. 
Top ↑

Profili professionali


Il corso di laurea magistrale è finalizzato alla formazione di esperti, sia nell'ambito dei time based media riproducibili, sia in quello degli eventi dal vivo e performativi. Tale obiettivo è raggiunto fornendo competenze teoriche, storiche, critiche e metodologiche di carattere specialistico intorno alle forme della rappresentazione audiovisiva - al di là del supporto utilizzato -, della scrittura drammaturgica e dei linguaggi dello spettacolo, della musica e della creatività digitale. Il corso si propone, in particolare, di formare sia studiosi che operatori capaci di coniugare un sapere storico-teorico con questioni concretamente legate alla produzione, distribuzione e conservazione dei prodotti performativi, cinematografici, audiovisivi, musicali e multimediali.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

- Preservazione, valorizzazione, restauro del patrimonio cinematografico, teatrale, musicale e audiovisivo in cineteche, audioteche, biblioteche, mediateche e archivi cinematografici, musicali, teatrali, e audiovisivi.
- Processi di produzione e postproduzione nei campi cinematografico-televisivo-multimediale o teatrale e musicale.
- Produzione di prodotti multimediali.
- Uffici stampa.
- Critica cinematografica o teatrale e musicale
- Promozione di eventi culturali e di eventi dal vivo.

Il corso prepara alla professione di:
  • Analisti e progettisti di applicazioni web - (2.1.1.4.3)
  • Dialoghisti e parolieri - (2.5.4.1.2)
  • Archivisti - (2.5.4.5.1)
  • Bibliotecari - (2.5.4.5.2)
  • Curatori e conservatori di musei - (2.5.4.5.3)
  • Registi - (2.5.5.2.1)
  • Direttori artistici - (2.5.5.2.3)
  • Sceneggiatori - (2.5.5.2.4)


Top ↑

Percorso formativo

Il percorso formativo è pensato sia per fornire conoscenze teoriche e pratiche in grado di investire l'opera artistica nei suoi aspetti produttivi, organizzativi e gestionali, sia conoscenze delle fonti archivistiche e delle strategie di conservazione.

Tale percorso è concepito in stretto rapporto sinergico con istituzioni cittadine e regionali che operano in tali campi (il Museo del Cinema in primis, ma anche l'Archivio del Cinema d'Impresa di Ivrea o l'Archivio Cinematografico della Resistenza di Torino). In tale quadro, oltre agli strumenti di verifica tradizionali (in itinere all'interno dei processi vivi di formazione e, alla fine del percorso, con colloqui e test scritti) concorrono a rendere completa l'offerta formativa i laboratori e i seminari organizzati in collaborazione con i centri e le strutture dell'Ateneo (ad esempio il CIRMA, Centro per la Ricerca sul Multimediale e l'Audiovisivo) che sono strumenti complementari per il raggiungimento degli obiettivi sopra indicati e palestra per la verifica delle competenze acquisite. Queste attività pratiche rappresentano il punto di raccordo con un'ampia rete di realtà lavorative sul territorio (la Film Commission, il Teatro Stabile di Torino, il Conservatorio, l'Orchestra della RAI di Torino, il Teatro Regio) così come i numerosi festival torinesi, oltre, ovviamente, agli archivi sopra menzionati) , realtà con le quali il Dipartimento di Studi Umanistici stabilisce rapporti orientati alla introduzione degli studenti nel mercato del lavoro.

 

Corsi obbligatori comuni ai 3 curricula

SSD

INSEGNAMENTO

CFU

RAD

L-FIL-LET/10

Strutture e processi della narrazione

6

B

M-STO/02

Fonti iconografiche per la ricerca storica

6

B

SPS/08

Cultura dei medi digitali

6

B

INF/01

Rappresentazione e algoritmi A

6

B

SECS-P/08

Marketing dell’industria culturale e dello spettacolo

6

C

IUS/01

Fondamenti di diritto per il cinema, il teatro, lo spettacolo e il multimedia

6

C

N.N.

Laboratorio interdisciplinare

3

Altre attività

 

Curriculum CINEMA E MEDIA

SSD

INSEGNAMENTO

CFU

RAD

L-ART/06

Teoria e metodi di analisi del film

12

B

L-ART/06

Linguaggi audiovisivi contemporanei

12

B

L-ART/06

Storia del cinema documentario

6

B

L-ART/06

Semiologia del film e dell’audiovisivo

6

B

L-ART/06

Organizzazione e produzione dello spettacolo

6

B

 

Curriculum CINEMA E ARTI PERFORMATIVE

SSD

INSEGNAMENTO

CFU

RAD

L-ART/06

Teoria e metodi di analisi del film

12

B

L-ART/05

Fenomenologia della rappresentazione e dello spettacolo

6

B

L-ART/05

Drammaturgia

12

B

L-ART/05

Studi di danza

6

B

L-ART/05

Teatro e cinema dei paesi scandinavi

6

B

L-ART/05

Antropologia teatrale

6

B

L-ART/05

Organizzazione dello spettacolo dal vivo 6 B

 

Curriculum CINEMA E MUSICA

SSD

INSEGNAMENTO

CFU

RAD

L-ART/07 -08

Musica moderna e contemporanea

12

B

L-ART/07

Drammaturgia musicale

12

B

L-ART/08

Antropologia della musica

12

B

L-ART/05

Studi di danza

6

B

 

Esame a scelta

SSD

INSEGNAMENTO

CFU

RAD

INF/01

Rappresentazione e algoritmi B

6

D


Top ↑

Requisiti d'accesso e modalità d'ammissione

Si richiede la conoscenza della storia del cinema, delle discipline dell'audiovisivo, del teatro, della musica e della performance.

Al corso sono ammessi, senza integrazioni curricolari, gli studenti in possesso di Laurea triennale della classe L-3 con conoscenza della storia del cinema, del teatro, della musica, delle problematiche metodologiche e progettuali legate alla creatività digitale, e che dimostrino di avere competenze in almeno uno dei settori L-ART/05, L-ART/06, L-ART/07, L-ART/08. Nel caso tali condizioni non siano soddisfatte o nel caso di provenienza da altri corsi di laurea, si valuterà il curriculum dello studente. Lo studente dovrà in ogni caso dimostrare, prima della verifica della preparazione individuale, una conoscenza della storia del cinema e delle discipline dell'audiovisivo, delle problematiche metodologiche e progettuali legate alla creatività digitale, e competenze in almeno uno dei settori L-ART/05, L-ART/06, L-ART/07, L-ART/08.

Ai fini dell'ammissione è prevista per tutti gli studenti una verifica della personale preparazione e delle conoscenze richieste attraverso un colloquio orale con una commissione composta da docenti del settore cinema, affiancati da docenti dei settori teatro e musica, secondo le modalità indicate nel regolamento didattico del corso di studio.

 Per la presentazione delle domanda cliccare QUI

Top ↑

Piano carriera e altre informazioni

Gli studenti del Corso di laurea in Cinema e Media devono fare riferimento al Regolamento didattico relativo all’anno accademico di immatricolazione. Alle norme contenute nei regolamenti corrisponde il “piano carriera”, che propone le regole che guideranno la compilazione on-line del percorso di studi:

  • Piano carriera coorte 2016 (per le matricole interessate essenzialmente al primo anno di corso e agli esami contenuti nelle regole del secondo anno con l’indicazione “anno di anticipo 1”).
  • Piano carriera coorte 2015 (per gli studenti al secondo anno nell’a.a. 2015-2016, interessati essenzialmente al secondo anno).

Nell’a.a. 2016-2017 gli studenti potranno seguire gli insegnamenti del primo e del secondo anno sulla base di quanto riportato nel piano carriera relativo all’a.a. di immatricolazione. Per effettuare la scelta è opportuno pertanto verificare quali sono gli insegnamenti disponibili (presenti nelle regole di scelta) e verificarne il contenuto (programma, obiettivi, note, orari e ogni altra informazione) nella pagina dei singoli insegnamenti. Gli insegnamenti contenuti nel piano carriera non appartengono esclusivamente a docenti del Corso di studi; sono molti infatti gli insegnamenti che, pur impartiti da docenti di altri Corsi di studi, sono disponibili tra le opzioni del piano carriera. Tutti gli insegnamenti (dei docenti interni ed esterni al Corso di laurea) sono disponibili nell’elenco degli insegnamenti riportato nella sezione Didattica. Gli insegnamenti dei docenti interni riportano l’indicazione del Corso di studi di appartenenza del docente titolare dell’insegnamento, mentre gli insegnamenti dei docenti esterni al Corso non riportano la denominazione del Corso di studi e rinviano (selezionando la voce “mutuato da”) al relativo programma così come pubblicato all’interno del Corso di studi di appartenenza del docente.

A differenza di quanto avveniva fino allo scorso anno, con l’istituzione del Dipartimento di Studi Umanistici e della Scuola di Scienze Umanistiche (struttura di raccordo che organizza i servizi comuni) l’organizzazione dei siti web è cambiata: i siti internet dei Corsi di studi, all’interno del sito della Scuola, contengono tutte le informazioni necessarie al Corso stesso, inclusi gli insegnamenti impartiti in altri Corsi di studio. Il piano carriera, anche per gli studenti del primo e del secondo anno, va compilato integralmente e per l’intera durata del percorso di studi. Sarà in ogni caso possibile effettuare modifiche negli anni successivi.

Gli studenti immatricolati nell’a.a. 2015-2016 troveranno, nel secondo anno, gli insegnamenti aggiornati sulla base dell’offerta formativa dell’a.a. corrente e, se necessario, dovranno modificare il proprio piano carriera per allinearlo ai nuovi insegnamenti offerti. Saranno tuttavia possibili modifiche anche sugli anni accademici precedenti, limitatamente però agli esami già previsti dal proprio piano carriera (l’offerta formativa non è infatti adeguata retroattivamente sugli anni già trascorsi).

Gli studenti troveranno nella pagina web del Corso di studi, all’interno dei vari insegnamenti in cui è presente il programma, ogni altra informazione utile, relativa al peso in crediti e al settore scientifico-disciplinare, alle date di inizio e fine delle lezioni, alle disposizioni sugli obblighi di frequenza e nell’apposita sezione del sito, alla distribuzione degli appelli d’esame.

Per quanto concerne gli esami liberi previsti dal piano carriera, la scelta dello studente può essere fatta fra tutti gli insegnamento della Scuola di Scienze Umanistiche, nonché fra quelli esterni alla Scuola purché previsti nelle scelte del piano carriera del Corso di studi: nel caso in cui lo studente intenda scegliere un insegnamento esterno alla Scuola e non previsto nel proprio carriera, deve presentare motivata domanda scritta al Consiglio del proprio Corso di studi (da presentarsi, come ogni pratica studente, in Segreteria studenti).

Infine, per la scelta del relatore di tesi,  è possibile laurearsi con un docente dell’ex Facoltà esterno al corso di studi, purché si sia sostenuto nel suo settore scientifico disciplinare almeno un esame di 5 cfu per l’ordinamento 509/1999 e di 6 cfu per l’ordinamento 270/2004.

Consultare inoltre le informazioni riguardanti le immatricolazioni e iscrizioni, il Regolamento Tasse e Contributi e le scadenze amministrative dell’a.a. 2016-2017.
Top ↑

Ultimo aggiornamento: 28/07/2016 10:04

LA SCUOLA

IL DIPARTIMENTO

Campusnet Unito
Non cliccare qui!